Stai pensando di viaggiare in auto? In Nativics abbiamo preparato questo itinerario di 5 giorni per farti scoprire alcuni dei luoghi più belli della Sierra de Tramuntana, come Valldemossa e Deià. Inoltre, abbiamo aggiunto un giorno per visitare Palma in modo da poter conoscere la capitale dell'isola. Una città piena di vita con un centro storico emozionante e un'imponente cattedrale di fronte al mare. Questo piano include 4 notti di pernottamento e prima colazione in uno degli hotel selezionati dai nostri esperti, nel bellissimo comune di Valldemossa, e biglietti alla Real Cartuja e al Museo Civico di Valldemossa.

Sei interessato?

Fai la tua ricerca e assicurati il miglior prezzo.

Dettagli dell'esperienza

Guida di viaggio di 5 giorni. Percorso in auto Valldemossa, Deià e Palma

Giorno 1:

Arrivo a Valldemossa. Alla scoperta di una città da favola

Non appena metti piede sulla terra di Maiorca, dirigiti a Valldemossa. Sia che arrivi all'aeroporto o al porto commerciale di Palma, ci vorranno circa 30 minuti in auto. Una volta lasciate le valigie in hotel, è tempo di esplorare alcuni dei luoghi di interesse di Valldemossa e passeggiare per le sue belle strade acciottolate con le loro case abbinate.A pochi metri troverete la Chiesa di San Bartolomeo. Questa chiesa del XIII secolo prende il nome dal santo patrono di Valldemossa, San Bartolomeo. Questa chiesa parrocchiale in stile gotico con campanile neoclassico è aperta ai suoi parrocchiani e al grande pubblico. Si può entrare di giorno per contemplare la sua volta bianca, il suo rosone e i suoi dipinti. Sebbene modesta, questa chiesa è molto bella e costituisce il centro del paese. Infatti, prima di arrivare, vedrai la sua cupola dalla strada. Un'immagine davvero idilliaca. 


Davanti alla Chiesa di San Bartolomé, troverai il luogo natale della Beata Santa Catalina Thomás, patrono di Valldemossa, nato nel XVI secolo. Non ha orari di visita poiché è stata trasformata in cappella in suo onore e alcune porte la proteggono. Conosciuta come la beateta, Santa Catalina Thomás è la santa più venerata a Maiorca poiché è stata la prima santa maiorchina. Le sue spoglie rimangono intatte nel Convento di Santa Maddalena, a Palma, dove vi entrò all'età di 21 anni. Gli vengono attribuiti diversi miracoli, l'apparizione di santi e la sperimentazione della più grande estasi della storia (21 giorni). Fu così beatificata nel 1792 e santificata nel 1930. 


Dopo aver visitato la casa de "la beateta", possiamo continuare a goderci le strade lastricate, la piante che adornano le case e raggiungono il Mirador de Sa Miranda des Lledoner. Da lì puoi vedere panorami spettacolari e, se ne hai voglia, sederti in un bar, caffetteria o ristorante.



Cosa vedrai oggi?

Giorno 2:

Visita alla Certosa Reale di Valldemossa

Dopo aver fatto colazione nel fantastico hotel che abbiamo selezionato per te, potrai visitare il complesso monumentale della Cartuja de Valldemossa. Con la sua cupola verde, è stato rifugio di grandi artisti e personalità. Il pianista Frédéric Chopin trascorse i suoi ultimi giorni qui, in una cella certosina, dove compose alcune sue opere e dove è tuttora conservato il suo pianoforte. 

Nel complesso si può godere del Palacio del Rey Sancho e la sala da concerto, dove dal 1932 è esposto dove suonò lo stesso musicista. Durante tutta la mattinata infatti, sono previste diverse esibizioni pianistiche, comprese nel biglietto che vi abbiamo riservato. Inoltre il biglietto comprende anche la visita alla Chiesa della Certosa, all' antica farmacia monastica, dei monaci (certosini), Frédéric Chopin e George Sand, e il Museo Civico di Valldemossa, diviso in quattro sezioni: un'esposizione dell'antica tipografia Guasp, una delle meglio conservate in Europa, e una collezione di 1.590 matrici xilografiche dal XVI al XIX secolo; una stanza per l'arciduca Luis Salvador d'Austria; una sala di opere di pittori che si sono ispirati a questa parte dell'isola, la Serra de Tramuntana e, infine, una collezione di Arte Contemporanea.  


Per finire, niente di meglio che passeggiare nei giardini di Re Juan Carlos e sedersi a riposare. Se stai cercando un posto dove mangiare o cenare, sia al belvedere di Sa Miranda, sia in Vía Blanquerna e Calle Uetam, troverai un'ampia varietà di opzioni. Questa città è piccola quindi è tutto molto vicino, è questione di camminare e sedersi nel posto che più ti piace. 


Puoi passare il pomeriggio per fare un po' di shopping nei negozietti che troverete sul lungomare o semplicemente per passeggiare e godervi una buona terrazza. Ma, naturalmente, non si può partire senza aver assaggiato la famosa coca di patate, tradizionale di Valldemossa. Ti consigliamo di sederti per uno spuntino tranquillo e ordinare questo panino dolce con una tazza di cioccolato.


Cosa vedrai oggi?

Giorno 3:

Alla scoperta del piccolo paese di Deià

Questo terzo giorno può essere utilizzato per scoprire Deià, altro comune della Serra de Tramuntana da vedere che dista solo circa 11 km da Valldemossa, circa 15 minuti di auto. Questa cittadina è stata anche la prediletta di molti pittori e artisti negli anni '60 e '70, infatti nel cimitero è sepolto il romanziere Robert Graves, uno dei primi amanti di Deià. Questo cimitero è un luogo di pellegrinaggio, non solo per i seguaci dello scrittore britannico, ma anche per le sue meravigliose viste sul mare e la sua posizione su uno dei punti più alti di questa città. Nella tua giornata a Deià non può mancare una visita alla chiesa parrocchiale di San Juan Bautista, ad ingresso gratuito e aperta tutti i giorni, e al punto panoramico dei canyon , con alcune viste spettacolari sulla Tramuntana.  Naturalmente, prenditi del tempo per sederti in un bar e goderti la natura. Se vai tra aprile e ottobre, dal Camino des Racó, vedrai una cascata che emerge tra le montagne. 


Nel pomeriggio, prendi l'auto e raggiungi il punto panoramico di Sa Foradada, anch'esso situato a Deià. Questo luogo è uno dei preferiti dagli isolani per ammirare il tramonto, probabilmente uno dei migliori di Maiorca. Ti consigliamo di arrivare con tempo sufficiente per goderti questo tramonto sul mare. Se vai nei mesi caldi, troverai un piccolo bar chill out aperto. Cogli l'occasione per bere qualcosa mentre guardi il tramonto. Se vuoi pranzare o cenare a Sa Foradada, c'è un ristorante, l'unico sul posto, con una vista spettacolare che pende come da un balcone sul mare. Ovviamente ricordati di prenotare in anticipo se vuoi prendere un tavolo...


Cosa vedrai oggi?

Giorno 4:

Visita a Palma: centro storico, Cattedrale di Santa María, Lonja e shopping.

Al mattino, dopo colazione, il nostro consiglio è di passare la giornata a conoscere Palma, una città ricca di vita e di storia. In auto, ci vorranno solo 30 minuti per arrivarci. Il primo consiglio è di andare a vedere la Cattedrale di Santa María, conosciuta dai maiorchini come la Seu. Dichiarata Monumento Storico-Artistico nel 1931, la cattedrale di Maiorca si trova in una posizione privilegiata, di fronte al mare, ed è di incomparabile bellezza, non solo perché possiede il rosone più grande del mondo gotico, ma anche per la sua struttura a tre navate e le sue enormi porte, che non mancano di dettagli. 


Sotto la cattedrale, puoi passeggiare attraverso il Parc de la Mar, un parco con un grande lago salato. Questo parco è l'epicentro di una grande varietà di eventi e concerti e si trova di fronte alle mura medievali che circondano l'intera area. Ai piedi della cattedrale, accanto al Parc de la Mar, si trova anche s'Hort des Rei, un piccolo giardino con un arco musulmano e un laghetto da cui sgorgano numerose fontane lungo il che ricordano i giardini del Generalife dell'Alhambra ma in miniatura. In questi giardini puoi cogliere l'occasione per sederti a riposare o scattare foto. Naturalmente non perdetevi il lago che si trova tra le mura e che ospita due cigni, molto amati dai palmari e, soprattutto, dai bambini. Se è ora di mangiare, vi consigliamo di farlo fallo nella zona di La Lonja dove ci sono un'ampia varietà di ristoranti lungo le sue stradine e cogli l'occasione per visitare l'edificio gotico civile di La Lonja, costruito grazie al grande commercio attività svoltasi nel porto di Palma. Qui si incontravano i mercanti e si compivano accordi commerciali e operazioni bancarie. Attualmente ospita mostre temporanee e l'ingresso è gratuito. È chiuso a mezzogiorno, quindi se vuoi visitarlo è meglio farlo la mattina o il pomeriggio. 


Per concludere il pomeriggio, niente di meglio che andare in giro il Borne> e fareshopping a Jaime III, il centro urbano per eccellenza per i maiorchini. Lì troverai anche molti caffè e bar, nonché un grande magazzino spagnolo. Se hai voglia di uno spuntino tipico, ti consigliamo di ordinare un longuet caldo. Si tratta di un tipo di panino fatto con un panino tipico della città di Palma che in spagnolo è anche conosciuto come “llagosta”, astice, perché si dice che sia migliore del famoso crostaceo. In effetti, questo rotolo è così importante che gli abitanti di Palma sono anche conosciuti come "llonguets". Il locale più emblematico di Palma è il famoso e centenario Bar Bosch, nel suo menu troverai un ampio menu di "llagostes" con tutti i tipi di ripieni: sobrassada, formaggio, prosciutto serrano, calamari, acciughe , maiorchino fritto… Scegli il tuo preferito e sentiti come un vero maiorchino. Se hai tempo, puoi perderti nelle strade circostanti o andare in Plaza de Cort, dove si trova il municipio di Palma.


Se vuoi cenare e goderti l'atmosfera e un buon drink, Palma è il posto che fa per te, soprattutto nei fine settimana. Qui troverai un'ampia varietà di ristoranti dove cenare: cibo messicano, italiano, spagnolo, indiano, pesce, carne... e dove poi puoi bere qualcosa.

Cosa vedrai oggi?

Giorno 5:

Addio a Valldemossa e ritorno a casa

Ultimo giorno a Maiorca… La nostra raccomandazione è di alzarsi, fare colazione in hotel e godersi l'ambiente privilegiato in cui ci si trova. In seguito, se hai tempo, cogli l'occasione per passeggiare nei tuoi posti preferiti a Valldemossa o per fare gli ultimi acquisti. Se volete prendere un dolce tradizionale ricordatevi di ordinarlo il giorno prima. In questo modo la prenderete appena sfornata e ben preparata per non avere problemi in aeroporto. Non partirai senza un'ensaimada, vero?


Infine, ricordati di partire con il tempo sufficiente per arrivare in aeroporto in tempo, soprattutto se Ho noleggiato un'auto a noleggio. Si consiglia di arrivare con 2 ore di anticipo in caso di incidente. Buon viaggio!





Attività

Contatta un esperto

Se hai domande su questa esperienza, se vuoi maggiori dettagli o se vuoi personalizzare il tuo viaggio, non aspettare oltre! Contattaci e ti aiuteremo a personalizzare il tuo viaggio.

Contattaci se hai bisogno di aggiungere voli, auto a noleggio, trasferimenti o eventi al tuo viaggio. Risolveremo tutti i tuoi dubbi e ti aiuteremo a finalizzare la tua prenotazione.