Da Nativis abbiamo preparato questo percorso in auto di 7 giorni per farti scoprire completamente la Sierra de Tramuntana, dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO, e capitale dell'isola. Così, con questo itinerario scoprirete alcune delle città più belle del nord di Maiorca, come Valldemossa, Deià, Fornalutx e Sóller, oltre alla vivace Palma. Una città piena di vita con un centro storico emozionante e un'imponente cattedrale di fronte al mare. Questo piano prevede 6 notti di pernottamento e prima colazione nella Sierra de Tramuntana (tre notti in hotel nella meravigliosa città di Valldemossa e altre tre notti a Fornalutx, insignita del titolo di Città più bella della Spagna) e biglietti per la Real Cartuja e per il Municipio Museo di Valldemossa, quindi non devi preoccuparti. In breve, ha tutto ciò che ti serve per scoprire la Sierra de Tramuntana in auto e da solo, ma con la certezza che non incontrerai imprevisti... In questo piano troverai anche alcuni consigli per divertirti il tuo tempo libero in questo idilliaco ambiente maiorchino. Sei emozionato?

7 Giorni / 6 Notti
++
a partire dal
€688
A testa

Sei interessato?

Fai la tua ricerca e assicurati il miglior prezzo.

Dettagli dell'esperienza

Guida di viaggio di 7 giorni. Percorso in auto attraverso la Sierra de Tramuntana e giornata a Palma

Giorno 1:

Arrivo in auto a Valldemossa. Alla scoperta di una città da favola

Valldemossa dista solo 30 minuti di auto, circa 27 chilometri, dall'aeroporto di Palma. Al tuo arrivo, la tua camera ti aspetterà in uno dei fantastici boutique hotel di Valldemossa. Cogli l'occasione per lasciare le valigie e metterti comodo prima di uscire alla scoperta di alcuni dei luoghi di interesse di Valldemossa, la città che ha ospitato grandi artisti come Frédéric Chopin, Rubén Darío, Azorín, George Sand o, recentemente, gli attori Michael Douglas. e Catherine Z Jones.  Le sue strade acciottolate e le case tradizionali abbinate da sole meritano una passeggiata.


A pochi metri di distanza, a piedi, troverai il Chiesa di San Bartolomé. Questa chiesa del XIII secolo porta il nome del santo patrono di Valldemossa, San Bartolomé o, che è lo stesso ma in maiorchino, Sant Bartomeu. Questa chiesa parrocchiale in stile gotico con campanile neoclassico è aperta ai suoi parrocchiani e al pubblico e l'ingresso è gratuito. Si può entrare di giorno per contemplare la sua volta bianca, il suo rosone e i suoi dipinti. Sebbene modesta, questa chiesa è molto bella e costituisce il centro del paese. Infatti, prima di arrivare, vedrai la sua cupola dalla strada. Un'immagine davvero idilliaca. 


Davanti alla Chiesa di San Bartolomé, troverai il luogo natale della Beata Santa Catalina Thomás, patrono di Valldemossa, nato nel XVI secolo. Non ha orari di visita poiché è stata trasformata in cappella in suo onore e alcune porte la proteggono. Conosciuta come la beateta, Santa Catalina Thomás è la santa più venerata a Maiorca poiché è stata la prima santa maiorchina. Le sue spoglie rimangono intatte nel Convento di Santa Maddalena, a Palma, dove vi entrò all'età di 21 anni. Gli vengono attribuiti diversi miracoli, l'apparizione di santi e la sperimentazione della più grande estasi della storia (21 giorni). Fu così beatificata nel 1792 e santificata nel 1930. 


Dopo aver visitato la casa de "la beateta", possiamo continuare a goderci le strade lastricate, la piante che adornano le case e raggiungono il Mirador de Sa Miranda des Lledoner. Da lì puoi vedere panorami spettacolari e, se ne hai voglia, sederti in un bar, caffetteria o ristorante.


Cosa vedrai oggi?

Giorno 2:

Visita alla Certosa Reale di Valldemossa

Dopo la colazione in hotel, potrai visitare il complesso monumentale della Real Cartuja de Valldemossa. Con la sua cupola verde, è stato rifugio di grandi artisti e personalità. Il pianista Frédéric Chopin trascorse i suoi ultimi giorni qui, in una cella certosina, dove compose alcune sue opere e dove è tuttora conservato il suo pianoforte. 

Nel complesso si può godere del Palacio del Rey Sancho e la sala da concerto, dove dal 1932 è esposto dove suonò lo stesso musicista. Durante tutta la mattinata infatti, sono previste diverse esibizioni pianistiche, comprese nel biglietto che vi abbiamo riservato. Inoltre il biglietto comprende anche la visita alla Chiesa della Certosa, all' antica farmacia monastica, dei monaci (certosini), Frédéric Chopin e George Sand, e il Museo Civico di Valldemossa, diviso in quattro sezioni: un'esposizione dell'antica tipografia Guasp, una delle meglio conservate in Europa, e una raccolta di 1.590 matrici xilografiche dal XVI al XIX secolo; una stanza per l'arciduca Luis Salvador d'Austria; una sala di opere di pittori che si sono ispirati a questa parte dell'isola, la Serra de Tramuntana e, infine, una collezione di Arte Contemporanea.  


Per finire, niente di meglio per passeggia nei giardini di Re Juan Carlos e siediti a riposare. Se stai cercando un posto dove mangiare o cenare, sia al belvedere di Sa Miranda, sia in Vía Blanquerna e Calle Uetam, troverai un'ampia varietà di opzioni. Questa città è piccola quindi è tutto molto vicino, è questione di camminare e sedersi nel posto che più ti piace. 


Il pomeriggio, puoi passare un po' di shopping nei negozietti che troverete sul lungomare o semplicemente per passeggiare e godere di un buon terrazzo. Ma, naturalmente, non si può partire senza aver assaggiato la famosa coca de patata, tradizionale di Valldemossa. Il nostro consiglio è di sedersi per uno spuntino tranquillo e ordinare questo panino dolce con una tazza di cioccolato.


Cosa vedrai oggi?

Giorno 3:

Visita a Palma da Valldemossa

Al mattino, una buona opzione è andare da Valldemossa in auto a Palma, così potrai scoprire questa città piena di vita e di storia. La prima raccomandazione è di andare a vedere la Cattedrale di Santa María, conosciuta dai maiorchini come la Seu. Dichiarata Monumento Storico-Artistico nel 1931, la cattedrale di Maiorca si trova in una posizione privilegiata, di fronte al mare, ed è di incomparabile bellezza, non solo perché possiede il rosone più grande del mondo gotico, ma anche per la sua struttura a tre navate e le sue enormi porte, che non mancano di dettagli. 


Sotto la cattedrale, puoi passeggiare attraverso il Parc de la Mar, un parco con un grande lago salato. Questo parco è l'epicentro di una grande varietà di eventi e concerti e si trova di fronte alle mura medievali che circondano l'intera area. Ai piedi della cattedrale, accanto al Parc de la Mar, c'è anche s'Hort des Rei, un piccolo giardino con un arco musulmano e uno stagno da cui emergono varie fontane lungo il percorso, ricorda i giardini del Generalife dell'Alhambra ma in miniatura. In questi giardini puoi cogliere l'occasione per sederti a riposare o scattare foto. Naturalmente non perdetevi il lago che si trova tra le mura e che ospita due cigni, molto amati dai palmari e, soprattutto, dai bambini. 


Sì, l'ora di pranzo si avvicina, ti consigliamo di farlo nella zona di La Lonja dove ci sono un'ampia varietà di ristoranti lungo i suoi vicoli e di cogliere l'occasione per visitare l'edificio gotico civile di La Lonja, costruito per la grande attività commerciale che c'era nel porto di Palma. Qui si incontravano i mercanti e si compivano accordi commerciali e operazioni bancarie. Attualmente ospita mostre temporanee e l'ingresso è gratuito. È chiuso a mezzogiorno, quindi se vuoi visitarlo è meglio farlo la mattina o il pomeriggio. 


Per concludere il pomeriggio, niente di meglio che andare in giro il Borne> e fareshopping a Jaime III, il centro urbano per eccellenza per i maiorchini. Lì troverai anche molti caffè e bar, nonché un grande magazzino spagnolo. Se hai voglia di uno spuntino tipico, ti consigliamo di ordinare un llonguet. Si tratta di un tipo di panino fatto con un panino tipico della città di Palma. Infatti i palmiziani sono chiamati “llonguets” e il panino fatto con questo pane è noto come “llagosta”, astice in maiorchino. Questo perché dicono che è più piccante di quel crostaceo. Il preferito della maggior parte dei maiorchini è l'aragosta llonguet o sobrassada, anche se ce ne sono di tutti i tipi: formaggio, prosciutto serrano, calamari, fritto maiorchino...  e il posto più emblematico per mangiarli è nel mitico Barc Bosch, aperto dal 1936. Se hai tempo, puoi perderti nelle strade circostanti o continuare a fare shopping a San Miguel strong>.


Infine, se vuoi fermarti per una cena e un drink in un locale elegante, Palma è il luogo ideale. Nei fine settimana è molto vivace e puoi anche goderti un buon pomeriggio. Un'attività che è diventata di moda e che consiste nell'iniziare la festa dopo aver mangiato per evitare di stare alzati fino a tardi. Le zone più vivaci di Palma sono Paseo Mallorca, Paseo Marítimo, la Lonja e la nostra preferita: Santa Catalina. In essi troverai ristoranti, bar, caffetterie e locali dove bere un drink e ascoltare buona musica.







Cosa vedrai oggi?

Giorno 4:

Fornalutx. Alla scoperta di uno dei borghi più belli della Spagna

In questo quarto giorno, ti porteremo nella bellissima città di Fornalutx. Situato a circa 30 km da Valldemossa, questo comune di soli 700 abitanti si trova nella Sierra de Tramuntana, nella valle di Sóller. Per rendere il vostro soggiorno il più confortevole possibile, il nostro team di esperti della zona ha selezionato uno degli hotel più belli e ben posizionati del comune.


Una volta lasciate le valigie, cogliete l'occasione per conoscere questa ridente cittadina. Passeggia per i suoi vicoli acciottolati e guarda i tetti delle case e vedrai che alcune di esse hanno ancora le loro tegole dipinte. Era qualcosa di comune e tradizionale nel diciannovesimo secolo secolo XVI a Maiorca e la stragrande maggioranza si conserva solo a Fornalutx ea Sóller, la città vicina. Queste piastrelle sono state dipinte a mano in rosso: figure geometriche, piante, elementi della vita quotidiana, animali e temi religiosi sono alcune delle composizioni che sono state eseguite sulla piastrella nella convinzione che questa proteggesse la casa ei suoi abitanti dalle aggressioni esterne.  


Fornalutx può essere considerato un comune di interesse paesaggistico e architettonico, non a caso è catalogato come uno dei borghi più belli della Spagna oltre ad avere premiato anche per il suo lavoro di conservazione e rispetto della natura. 

Passeggiando per le sue belle strade, troverai il Municipio, proprio all'inizio del Carrer Major (strada principale). Questo municipio è custodito da una torre di difesa del XVII secolo, molto ben conservata. Se prosegui con la passeggiata, lungo questa stessa strada, incontrerai Plaza España, il centro della città e il principale luogo di ritrovo per i residenti di Fornalutx. Qui si trova la Chiesa della Natività del Mare de Déu, uno degli edifici più emblematici di questo comune. Originaria del XIII secolo, è stata modificata nel tempo per cui presenta alcune caratteristiche di altri tempi, come il portale gotico che conduce direttamente al cimitero, noto come "El Fossar". Sebbene piccola, questa parrocchia conserva al suo interno opere artistiche del XII e XIII secolo e, senza dubbio, la vostra visita è ben meritata.  In questa stessa piazza troverai bar e ristoranti. Ti consigliamo di sederti in uno di essi e rilassarti contemplando il paesaggio.


Sebbene Fornalutx sia una piccola città, ci sono diverse opzioni per pranzo e cena. Dai ristoranti tipici maiorchini ai ristoranti italiani. 




Cosa vedrai oggi?

Giorno 5:

Fornalutx. Godersi la città più affascinante.

Se il tuo soggiorno a Fornalutx cade di venerdì o sabato, puoi cogliere l'occasione per visitare Ca'n Xoroi, un antico possedimento maiorchino acquisito dal Comune nel 2002, convertito in museo . Se sei interessato a visitarlo, gli orari sono dalle 10:30 alle 13:30. L'ingresso è gratuito e si può acquistare nello stesso museo che di solito non è molto affollato. Una visita interessantissima in quanto in questa dimora nobiliare si trova un antico mulino industriale, l'ultimo utilizzato nel paese, una collezione di 278 piastrelle dipinte tradizionali del luogo e di altri comuni limitrofi e di epoche diverse, oltre a trovare anche il fondo fotografico comunale . 


Se quello che ti piace è fare un po' di escursionismo, Fornalutx ha dei percorsi spettacolari con diversi livelli. Ricorda che sei nel mezzo della Sierra de Tramuntana, un luogo unico che fa parte del Patrimonio Universale. Se sei in buona forma fisica, troverai percorsi come il “Camí de l'Alzina Fumadora”, della durata di circa 6 ore, o il “Camí de Sa Costera”, tra 4 e 5 ore. Questi percorsi sono di media difficoltà ma consistono rispettivamente di 11 e 12 km. Se preferisci qualcosa di più tranquillo e meno difficile, ti consigliamo il itinerario “Camí de Binibassí”, un itinerario di soli 3 km che non lo farà impiega più di 45 minuti, oppure il “Camí des Creuer”, con 8 km di percorso e una durata non superiore a 90 minuti. Troverai tutte le informazioni sul sito web del Municipio di Fornalutx.


Certo, puoi sempre dedicarti a continuare a goderti Fornalutx, perderti nelle sue strade acciottolate e goderti questa città idilliaca senza fretta.


Lo sapevate...

Sierra de Tramontana a Maiorca

La Sierra de Tramuntana

The Sierra de Tramontana -in Mallorcan, Serra de Tramuntana-, was declared a UNESCO World Heritage Site in 2011. It measures almost 90 kilometers long and is located in the northeast of the island of Mallorca, hence its name since According to la rosa dei venti locale, il vento in quella zona è chiamato Tramontana. Questo sistema montuoso è il più importante delle Isole Baleari e si estende da Andratx a Cap de Formentor. In questa catena montuosa si trova il Puig Major, la montagna più alta di Maiorca.

Giorno 6:

Sóller e Port de Sóller. Tra aranci e Modernismo.

Per questa giornata, niente di meglio che visitare Sóller, la vicina città di Fornalutx, situata a soli 4 chilometri da Fornalutx. Una volta parcheggiato, puoi esplorarlo a piedi per scoprirne tutti gli angoli.  Dal centro del comune tutto è vicino quindi è facile girarci intorno. Iniziamo il nostro percorso!


Nel cuore di Sóller, si trova la Plaza de la Constitución, luogo delle celebrazioni e dell'incontro dei sollerici e visitatori. In esso troverai bar, caffetterie e ristoranti e il municipio di Sóller, con il suo caratteristico stemma. Intorno alla piazza, a guardia di essa, vedrai l'imponente Chiesa di Sant Bartomeu, simbolo della città e del Modernismo in Spagna. Questa parrocchia è una delle preferite dai maiorchini e una delle più importanti delle Isole Baleari. Dichiarato sito di interesse culturale, la sua costruzione iniziò nel XIII secolo, in origine in stile romanico-gotico, ma come di consueto in queste costruzioni ha subito variazioni nel corso degli anni, per cui troviamo anche alcune strutture barocche. Ma, senza dubbio, l'ultima modifica, iniziata nel 1904 e terminata nel 1946, è ciò che rende la Chiesa di San Bartolomé un'icona della città e un esempio di meraviglioso Art Nouveau. È la spettacolare facciata modernista, opera dell'architetto catalano Joan Rubió i Bellver, discepolo del grande Antonio Gaudí, con il quale collaborò ad altre opere di grande attualità, tra le altre,  La Sagrada Familia, Casa Batlló e Parc Güell, a Barcellona. Se sei appassionato di Modernismo e vuoi vedere di più, il Museo Can Prunera espone opere permanenti e temporanee di pittori come Picasso, Kandinsky e Warhol. L'ingresso generale è più che ragionevole, cinque euro per chi ha più di 12 anni. Inoltre, è prevista una tariffa speciale  per studenti e pensionati e bambini l'ingresso è gratuito. L'ingresso si acquista nello stesso museo che, tra l'altro, di solito non è  molto affollato, quindi raramente troverai code. 


Continuando con la nostra visita a Sóller, a sinistra della Chiesa, un'altra delle opere dello stesso architetto, Joan Rubió i Bellver. È il sontuoso Banco de Sóller. Un edificio in stile modernista che, sebbene ora appartenga al Banco Santander, riflette lo splendore economico di questo comune della Sierra de Tramuntana, che riuscì a rilanciare la propria economia esportando arance in Europa, in particolare in Francia. In effetti, molti furono i locali che emigrarono nel paese gallico e tornarono con grandi fortune.  Ed è che Sóller è una valle della Tramuntana con un microclima ideale per la coltivazione di limoni e arance. Non sono solo i migliori agrumi dell'isola, ma sono anche uno dei preferiti d'Europa. Con le famose arance si realizzano prodotti di ogni genere: marmellate e conserve, liquori, arance candite, succhi... e anche gelati! Perché se c'è qualcosa che devi provare a Sóller, sono senza dubbio le sue arance e i suoi gelati artigianali con l'etichetta “Gelat Sóller” (gelato Sóller), il miglior gelato a Maiorca. In centro troverai diverse gelaterie, tra cui Sa Fàbrica des Gelats, una delle più consigliate.


Continuando da Plaza Constitución , troverai la vivace Calle de Sa Lluna, una via commerciale piena di negozietti, ideale per fare shopping. Inoltre, lungo di essa, si possono vedere diversi edifici di interesse architettonico. Così, al numero 16, troverete una locanda del 1758, Can Prohom, luogo di residenza che possedevano i grandi proprietari agricoli. Al numero 23 della stessa strada, incontrerai Can Bardí, un possedimento tradizionale maiorchino tipico dei ricchi gentiluomini di Maiorca. Se continui a camminare, al numero 50, scoprirai l'edificio più antico di Sóller, la Casa de Sa Lluna (Casa della Luna), del XV secolo, che si distingue per il suo arco semicircolare e la figura della luna in marés che sporge sopra l'arco della porta d'ingresso. 


Una volta effettuati gli acquisti e aver visto alcuni edifici importanti in Sóller, puoi sederti a mangiare in uno dei ristoranti del centro ma, se preferisci mangiare di fronte al mare, approfittane per andare a Puerto de Sóller, a soli 5 chilometri di distanza . Come arrivare È molto semplice, devi solo prendere il tram che attraversa la Plaza de la Constitución stessa. Questo bellissimo tram elettrico è stato in funzione dal 1913 e da allora è rimasta intatta, il che lo rende un'icona di Sóller. Il biglietto si acquista all'interno dello stesso tram, sia quello di andata che quello di ritorno, ed è il modo migliore per raggiungere il porto. Il prezzo è di circa 7€ a tratta e persona e parte ogni 30 minuti. Se non hai voglia di prendere il tram, puoi sempre andare in macchina. È molto vicino e l'accesso è facile. 


Una volta arrivato a Puerto de Sóller, troverai un'ampia varietà di ristoranti lungo il lungomare e negozi di souvenir e altri prodotti artigianali tipici di Maiorca. Se hai voglia di fare un tuffo in estate, c'è anche una piccola spiaggia nel porto. Questa zona è molto vivace in estate ed è un'opzione perfetta per concludere la tua visita a Sóller. 



Cosa vedrai oggi?

Giorno 7:

Addio e ritorno a casa

Ultimo giorno di vacanze... Il nostro consiglio è di alzarsi, fare colazione in hotel e godersi l'ambiente privilegiato in cui ci si trova. In seguito, se hai tempo, cogli l'occasione per passeggiare nei tuoi posti preferiti a Fornalutx o per fare gli ultimi acquisti. Se la tua intenzione è quella di portare a casa un dolce tipico, il nostro consiglio è di ordinarlo il giorno prima in modo che lo abbiano pronto per te. Non dimenticare di dire loro che è per prendere l'aereo. In questo modo eviterai problemi in aeroporto.


Infine, ricorda di partire abbastanza presto per evitare possibili contrattempi come ingorghi stradali o code ai controlli di sicurezza in aeroporto controlli. Tieni presente che dovrai prima restituire l'auto a noleggio, quindi è consigliabile arrivare in aeroporto 2 ore prima del volo.





Cosa mangiare

Empanadas e cocarroi di Maiorca

Prodotti e piatti tipici di Maiorca

Prodotti tipici da portare a casa:

Ensaïmada, coca de cuarto, robiols e crespells.

Empanadas, cocarrois e coca de trampó.

Cracker dell'olio.

Sobrassada, butifarrones e camaiot.

Vino a denominazione di origine.

Liquore alle erbe, liquore palo e rum Amazonas.

Alcuni favolosi piatti della gastronomia di Maiorca:

"Arroz brut"

Zuppe maiorchine

Lumache con alioli

Matanzas fritte di Maiorca e frutti di mare fritti.

Variat (una specie di varietà di tapas nello stesso piatto).

Tumbet

Lonza con cavolo cappuccio

Pesce alla maiorchina, al forno e con verdure di stagione.

Escaldums, tipico spezzatino di pollame maiorchino con salsa e mandorle tritate.

Porcella arrosto

Dessert: greixonera di ricotta, gató con gelato alle mandorle, cardinale di Lloseta.

Attività

Contatta un esperto

Se hai domande su questa esperienza, se vuoi maggiori dettagli o se vuoi personalizzare il tuo viaggio, non aspettare oltre! Contattaci e ti aiuteremo a personalizzare il tuo viaggio.

Contattaci se hai bisogno di aggiungere voli, auto a noleggio, trasferimenti o eventi al tuo viaggio. Risolveremo tutti i tuoi dubbi e ti aiuteremo a finalizzare la tua prenotazione.