Da Nativi abbiamo preparato questo itinerario medievale in auto per 5 giorni attraverso le città di Toledo, Ávila, Salamanca e Segovia. Tutti loro dichiarati Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. Questo piano include 4 notti di alloggio nelle due Castiglia con una notte in hotel in ogni cittàper farti godere giorno e notte e il miglior itinerario con suggerimenti e consigli pratici.

5 Giorni / 4 Notti
+
a partire dal
€113
A testa

Sei interessato?

Fai la tua ricerca e assicurati il miglior prezzo.

Dettagli dell'esperienza

Guida di viaggio di Itinerario medievale di 5 giorni attraverso Toledo, Ávila, Salamanca e Segovia

Giorno 1:

Toledo, la città delle tre culture

Iniziamo il percorso attraverso la città medievale di Toledo, una delle più visitate della Spagna che, sebbene piccola, ha molta storia e molto da scoprire. La grandezza della sua bellezza è che, tra le sue mura, tre culture hanno convissuto per decenni in relativa pace: musulmani, ebrei e cristiani. Ognuno di loro ha conferito alla città una parte della personalità, che conserva ancora oggi e che andremo a scoprire in questo itinerario. Iniziamo la visita!


Prima di tutto, Toledo ha diverse porte attorno alle mura che fungevano da ingresso e uscita: Puerta de Alfonso VI, Puerta del Sol, Puerta del Cambrón e la più famosa, la Puerta de la Bisagra. Se hai la possibilità, poiché dipenderà dalla direzione da cui vieni, è un buon modo per entrare in città con stile e, in caso contrario, puoi attraversarne uno in qualsiasi altro momento.  

Detto questo, l'opzione migliore per iniziare il percorso attraverso il centro storico medievale, Patrimonio dell'Umanità, è farlo attraverso la Plaza de Zocodover, una piazza storica circondata da palazzi castellanos, pasticcerie e negozi.  Questa piazza principale quasi triangolare ha esempi di architettura araba poiché a quel tempo era il suk della città. Da qui il suo nome che in arabo significa "mercato delle bestie". Ma ciò che rende questa piazza davvero speciale è l'edificio che vi si trova: l'Alcázar de Toledo. Questa fortezza si trova nel punto più alto della città e ha avuto diversi abitanti nel corso della storia, dal palazzo romano nel 3° secolo al palazzo di Carlo I, tra gli altri, per il suo grande valore strategico, che è perché popoli e culture diverse hanno deciso di stabilirsi. La cosa più bella di questo edificio è all'esterno, ti consigliamo di girarci intorno per vederne tutte le facciate. Se vuoi vedere i panorami della città, puoi salire alla caffetteria all'ultimo piano della Biblioteca di Castilla La Mancha. L'ingresso è gratuito. All'interno dell'Alcázar si trova il Museo dell'Esercito, l'ingresso è economico e puoi acquistarlo lì ma, dal nostro punto di vista, con un solo giorno di visita è spendibile. 


Quando partendo Dall'Alcázar, dirigersi verso la Catedral Primada de Toledo, situata nella stessa Plaza del Ayuntamiento. Il bello di questa città è che tutto è raggiungibile a piedi. Certo, ci sono piste ovunque... Per entrare in cattedrale è necessario un biglietto a pagamento. Il suo orario è ampio dal lunedì al sabato, dalle 10:00 alle 18:30, mentre la domenica è aperto solo il pomeriggio, dalle 14:00 alle 18:30  Questa grande e bella cattedrale in stile gotico con influenze francesi, iniziò ad essere costruita nel 1226 sulle fondamenta della cattedrale visigota del VI secolo, che fu utilizzata anche come moschea. Composto da cinque navate, è lungo 120 metri e largo 60, con 88 colonne e 72 volte. Appena arrivi rimarrai colpito dalla bellezza della sua architettura. Se cammini intorno all'edificio, scoprirai le sue tre magnifiche facciate: la facciata principale, la Puerta del Reloj e la Puerta de los Leones. All'interno si trova la Sagrestia Maggiore, di notevole importanza per il fatto che vi è esposto il famoso dipinto “El Expolio”, di El Greco, famoso pittore vissuto a Toledo. Le cappelle, il coro e la sua campana da 18 tonnellate, popolarmente conosciuta come "La Gorda" e per essere la più grande della Spagna, sono altri elementi eccezionali di questa costruzione.  


Un tempo hai visitato la Cattedrale del Primate di Toledo, è tempo di visitare la Chiesa di Santo Tomé, più modesta ma di grande pregio per ciò che custodisce al suo interno, il famoso dipinto di El Greco, intitolato “La sepoltura del conte di Orgaz”. Quando esci dalla parrocchia, se sei un amante dei dipinti di El Greco, puoi andare al Museo di El Greco, ma in caso contrario è una visita spendibile. 


Dopo la cattedrale e la chiesa di Santo Tomé, è ora di entrare nel quartiere ebraico. Ci sono diverse sinagoghe lì, ma ci concentreremo sulla Sinagoga di Santa María la Blanca, il monumento più bello del quartiere ebraico di Toledo e il preferito di chi lo visita . Questa sinagoga in stile mudéjar si distingue per i suoi interni ornamentali che contrastano con l'esterno austero dell'edificio. In essa troviamo pareti bianche, archi a ferro di cavallo e 32 pilastri ottagonali ricoperti di cemento e calce che si distinguono per i capitelli decorati con nastri, ananas e volute. Senza dubbio, lo stile moresco di questa antica Sinagoga Maggiore è ciò che più attira l'attenzione e ciò che la rende così speciale ed essenziale nella tua visita a Toledo.


Continuando con il nostro itinerario, il prossimo monumento da scoprire sarà il Monasterio de San Juan de los Reyes. Questo monastero in stile elisabettiano con influenza mudéjar è ciò che lo rende unico insieme alla sua storia poiché fu Isabella la cattolica a farlo costruire. Fu così colpita dalla città che pensò che sarebbe stato un buon posto per seppellire le sue spoglie mortali e quelle di suo marito, Fernando de Aragón. Come è noto, alla fine non fu così poiché i Re Cattolici decisero nella loro ultima conquista di rimanere a Granada e dedicare questo tempio a San Giovanni Battista, al quale era devota Isabella di Castiglia. Anche così, con l'intenzione iniziale, si può avere un'idea della dedizione con cui è stato costruito questo monumento. Non perderti la sua facciata elisabettiana e il suo chiostro!


E per concludere la passeggiata attraverso le tre culture, non puoi perderti la Moschea di Cristo de la Luz. Chiude, come la maggior parte dei monumenti di Toledo, alle 17:45, quindi cerca di essere lì almeno 30 minuti prima. I suoi elementi architettonici e decorativi sono un esempio in miniatura della Moschea di Cordova, quindi questo gioiello dell'arte islamica e le leggende che nasconde non ti lasceranno sicuramente indifferente. 


Una volta uscito dal Cristo de la Luz, hai due opzioni: continuare a perderti per le strade, fermarti in alcuni dei suoi negozi, comprare dei dolci o andare al Mirador del Valle, da dove puoi vedere spettacolari viste panoramiche la città. Per raggiungere questo belvedere ci vorranno 10 minuti se lo fai in auto o 40 minuti se lo fai a piedi.  Se arrivi in tempo per vedere il tramonto, sarà la conclusione perfetta di questa giornata. La ciliegina sulla torta! 


Ora è il momento di trovare un posto dove cenare, riposarsi un po' ed essere abbagliati dalla città di Toledo di notte. Una vera meraviglia!



Cosa vedrai oggi?

Giorno 2:

Ávila, oltre il muro

Per prima cosa al mattino, è ora di continuare con il nostro percorso medievale lasciando Castilla-La Mancha alle spalle per trasferirci a Castilla y León, dove la nostra prima tappa sarà Ávila, a poco meno di 2 ore di auto.  Questa città, Patrimonio Culturale dell'Umanità, è nota per le sue magnifiche mura che si trovano in una parte bellissima della città, la nostra prima visita, ma la verità è che nasconde molti altri tesori che scoprirai in questo giorno. 


La giornata di oggi inizia, ovviamente, con una visita alle Mura di Ávila , un'icona della città. Vi accederemo dalla Puerta del Alcázar in quanto è la più emblematica, anche se è possibile farlo anche dalla Casa de las Carnicerías e dalla Puerta del Puente. Questo imponente muro medievale dell'XI secolo ha un perimetro di 2.516 metri e 87 torri. , 9 porte di accesso, in cui spiccano la Puerta de San Vicente e la Puerta del Alcázar, 2 portineria e 2.500 merli, e si vanta di essere la cinta muraria meglio conservata in Spagna.  Indubbiamente, è un vero muro di film... Ma soprattutto, puoi percorrere gran parte del suo layout e camminare lungo le pareti. Da lassù puoi vedere il colore verde intenso sotto i tuoi piedi e quanto è bella la città. 


Quando lascerai il muro, se percorrerai Calle de la Cruz Vieja, lo farai arrivare alla Cattedrale di Cristo Salvatore o Cattedrale di Ávila. Sebbene sia vero che la sua facciata non è molto appariscente, ma piuttosto austera, l'interno ne vale la pena. In stile romanico e con più di 300 anni di costruzione, si possono apprezzare elementi di diverse influenze come il Gotico, osservabile nella sua imponente Pala Maggiore, e il Rinascimento in cui spicca il laborioso Coro, lavorato nei minimi dettagli su legno di noce, e il Trascoro, lesene decorate con altorilievi che rappresentano La Presentazione al Tempio, L'Adorazione dei Re e La Strage degli Innocenti. Un'altra parte della cattedrale da non perdere è la Girola, non solo perché è l'elemento più antico del tempio e quello di maggiore importanza architettonica, ma perché è piuttosto una bellezza. Certo, non partire senza aver fatto un giro del chiostro. 


E dalla Cattedrale ci rechiamo alla Basilica di San Vicente, situata fuori dal mura , passando per la Puerta de San Vicente. Per arrivarci non ci vorranno più di cinque minuti a piedi. Questo è il vantaggio delle città murate, che hanno tutto a portata di mano. Quando arrivi alla basilica, vedrai che la sua facciata è di un colore diverso dal resto, forse un po' arancione. Sempre in stile romanico, i lavori di questa pieve, tuttora in uso con le celebrazioni di culto, iniziarono nell'anno 1120. Secondo la tradizione, qui fu martirizzato e sepolto San Vincenzo e, di conseguenza, il tempio Basilica di San Vicente. Dopo aver lasciato la basilica, dirigiti verso la Plaza del Mercado Chico lungo la via López Núñez. Lungo la strada passerai davanti al Palazzo di Monjaraz e al Municipio, accanto alla piazza. In questa zona della città vecchia troverai un'ampia varietà di ristoranti dove mangiare e riposarti.  


Nel pomeriggio, puoi cogliere l'occasione per visitare il Convento e luogo natale di Santa Teresa di Gesù.  Questa chiesa barocca in stile carmelitano fu costruita sulla casa natale di Teresa de Cepeda y Ahumado, ora cappella di Santa Teresa. Sotto si trova il museo Teresiano, nella grande cripta funeraria. La facciata è divisa in tre parti in cui spiccano l'immagine del Santo in marmo e gli stemmi dei Cepeda e Ahumada. Nella stessa piazza dove si trova la Chiesa di Santa Teresa, troverete anche la Sala delle Reliquie e un piccolo negozio di souvenir nel caso vogliate portare a casa un souvenir.


Per concludere la giornata , niente di meglio che godersi il tramonto dal belvedere di Ávila, il santuario dei quattro posti. Camminando arriverai in circa 15 minuti, passando per il Ponte Romano di Ávilache attraversa il fiume Adaja. Dopo questo non vi resta che godervi la bella notte di Avila e, perché no, gustarvi una buona bistecca. 



Cosa vedrai oggi?

Giorno 3:

Salamanca, la città universitaria Patrimonio dell'Umanità

Salamanca è un'altra città della Castilla León che si vanta di essere Patrimonio dell'Umanità. Il suo centro storico è facilmente esplorabile a piedi e contiene i monumenti più rappresentativi di Salamanca, città universitaria ricca di cultura, arte e leggende. Per arrivarci in auto da Ávila ci vorrà poco più di un'ora. 


Non appena arrivi a Salamanca, non c'è modo migliore che iniziare questo tour attraverso la Plaza Mayor, piena di vita, bar e ristoranti fino a raggiungere il complesso della cattedrale dove la Cattedrale Nuova e la Cattedrale Vecchia, l'una attaccata all'altra. Se vuoi accedervi, i biglietti vengono acquistati presso il tempio stesso o sul suo sito web. Anche se anticipiamo già che la sua famosa facciata è l'attrazione più grande e puoi vedere bambini e adulti giocare per trovare alcuni degli elementi che nasconde. Sulla facciata della Nuova Cattedrale dovresti trovare un astronauta e un drago con un gelato. Se vai con i bambini, questo li farà sicuramente divertire... 

Se ne hai voglia, puoi anche salire sulla torre medievale della cattedrale, il Ieronimus . Da lì puoi camminare attraverso le terrazze che si affacciano sull'interno del tempio e vedere i panorami della città. Il nostro consiglio è che, se vuoi risparmiare tempo e fatica, scelga tra questa torre o la torre Clerecía, un'altra tappa del nostro percorso, anch'essa con vista sulla città.


Dalla cattedrale, continueremo verso l'Università di Salamanca, un edificio storico di oltre 800 anni e un punto di riferimento accademico. Questa facciata è anche pretesa di molti visitatori che vi restano davanti fino a quando non trovano l'animaletto che si nasconde: una piccola rana.


Una volta trovata la famosa rana dell'università, vai al Casa de las Conchas. Il nome deriva dal fatto che la sua facciata è piena di conchiglie. Se vuoi vedere il suo cortile interno e la sua biblioteca, l'ingresso è gratuito anche se, senza dubbio, ciò che colpisce di più è il suo esterno. Proprio di fronte alla Casa de las Conchas, si trova la Clerecía, come viene chiamato il Collegio Reale dello Spirito Santo della Compagnia di Gesù. La parte che visiteremo saranno le sue torri che si ergono attraverso la Scala Coeli, una scalinata verso il paradiso. Dall'alto si possono ammirare viste spettacolari dell'intera città. Nella stessa piazza troverai la Pontificia Università davanti alla quale passerai. 


Scendendo Calle Meléndez, arriverai al Ponte Romano. Passeggia sulle sue mura mentre contempli il panorama di Salamanca e attraversi il fiume Tormes, quindi torna sullo stesso ponte e cammina fino a Casa Lis, un palazzo in stile modernista con la maggior parte delle vetrate colorate bei colori. La sua facciata è affascinante e il suo interno ospita il Museo Art Nouveau Art Déco. In questo percorso di una giornata, è consigliabile, se non sei un amante di questo stile artistico, evitare di entrarvi in quanto toglierà tempo ad altri monumenti più rilevanti.


Continuando con l'itinerario, sì Se vuoi camminare attraverso l'Huerto de Calixto y Melibea, dovresti farlo prima del tramonto poiché chiude dopo il tramonto. Questo spazio paesaggistico offre splendide viste sul fiume Tormes e sulla Cattedrale. Lì troverai una statua del personaggio di Fernando de Rojas, la vecchia Celestina. Questo perché si ritiene che sia in questo giardino che lo scrittore ambientò l'incontro tra i protagonisti, Calixto e Melibea. 


Per concludere la giornata, niente di meglio che visitare il Palazzo di Salina o Fonseca. L'ingresso è gratuito e l'orario di chiusura è alle 20:00. L'accesso del pubblico è solo al patio, il luogo più interessante per le sue colonne dantesche in cui compaiono volti diversi con espressioni di orrore. Questo palazzo era anche a tenuta stagna, da cui il nome popolare, ed è attualmente la sede del Consiglio Provinciale di Salamanca.


La sera godetevi una buona cena in uno dei suoi ristoranti e il vivace l'atmosfera delle sue strade universitarie. Dall'altro lato del ponte romano, ci sono viste mozzafiato sulla città illuminata. Se hai voglia di fare una passeggiata dopo cena, è un posto molto romantico.

Cosa vedrai oggi?

Giorno 4:

Segovia: dall'Acquedotto all'Alcázar

Il percorso di un giorno attraverso Segovia inizia presso l'Acquedotto di Segovia, il monumento più emblematico della città che esiste dall'epoca romana e fa parte del paesaggio di Segovia. Naturalmente, vale la pena apprezzare il fatto che dopo tanti secoli possiamo godere di questa pura costruzione ingegneristica. Questi romani sapevano cosa stavano facendo...


Dopo averci fotografato con il famoso acquedotto, continueremo verso Via Real, che unisce l'acquedotto con Plaza Mayor. Questa strada è la più commerciale di Segovia, quindi passeggiando incontrerai negozi locali e catene internazionali, souvenir e negozi che vendono prodotti tipici della zona. Sebbene sia conosciuta come Calle Real, in realtà è composta da tre strade: Calle Cervantes, Calle Juan Bravo e Calle Isabel la Católica. In questa strada popolare si trovano il Mirador de la Canaleja e la Casa de los Picos, entrambi luoghi imperdibili... Dal belvedere puoi contemplare le favolose vedute della montagna della Donna Morta e del quartiere di San Millán, quindi ti consigliamo di dedicare qualche minuto per goderti il paesaggio. Proseguendo sulla stessa Calle Real, incontrerai la Casa de los Picos. Ciò che rende questo edificio così speciale sono le decine di punte a forma di diamante che sporgono dalla facciata, tutte disposte con cura in modo ordinato, che gli conferisce un aspetto insolito e molto bello.


Dopo aver visto la facciata delle cime, continueremo lungo la stessa strada ma prendendo il tratto di Juan Bravo fino a raggiungere la Plaza de Medina del Campo, conosciuta anche come Plaza de las Sirenas per le sculture che si riferiscono a questa figura mitologica. Certo, non immaginate le addolcite sirene da favola, dai capelli lunghi e dai corpi snelli... Piuttosto, sono un misto tra il corpo di un leone e una donna con corona e velo, più simili a una sfinge. In questa piazza si trova anche la statua di Juan Bravo, dietro di essa ci sono delle piccole scale che portano alla Plazuela de San Martín, dove si trova la bellissima Torreón de Lozoya e la Chiesa di San Martin. Questa chiesa romanica si distingue per l'esterno con il suo imponente campanile. Se vuoi visitarlo, l'accesso è sul lato sinistro del tempio ma non è essenziale.


Una volta ammirata la torre e la chiesa di San Martín, salendo attraverso la Plaza de Medina del Campo, si raggiunge la Plaza del Corpus, nel quartiere ebraico o quartiere ebraico. C'è l'attuale chiesa cattolica del Corpus Domini, che dà il nome alla piazza e che, in precedenza, era la Sinagoga Maggiore. Se osi entrare, apprezzerai una certa somiglianza con la sinagoga di Toledo grazie al suo interno bianco. Una volta scoperto il quartiere ebraico, se prosegui lungo Calle San Frutos, arriverai alla mitica Plaza Mayor, il centro nevralgico della città dove si trova il Municipio di Segovia, la Teatro Juan Bravo con la sua peculiare facciata rosa e la statua dello scrittore Antonio Machado, che visse e tenne lezioni in città oltre a proclamare, sullo stesso balcone del paese hall, quella che doveva essere la Seconda Repubblica dalla Spagna. Ebbene, quando arriverà questo momento, sei nel posto perfetto per fermarti a pranzo prima di continuare con questo itinerario. In quasi tutti i ristoranti si può mangiare il tipico maialino arrosto così morbido da poterlo tagliare con un piatto. Uno spettacolo per i sensi che, se sei un amante della carne, non puoi perderlo. 


Nel pomeriggio, subito dopo pranzo, è tempo di visitare la Cattedrale di Segovia, una delle ultime cattedrali gotiche in Europa che si trova nella stessa Plaza Mayor. Nonostante il suo nome ufficiale sia Cattedrale di Nostra Signora Assunta e San Fruto, è anche conosciuta come la Signora delle Cattedrali per la sua grande bellezza ed eleganza. Un monumento da non perdere. Camminando in linea retta, in circa 10 minuti, incontrerai il maestoso Alcázar de Segovia. Un imponente castello da favola che si erge sopra l'intera città creando un quadro idilliaco. Se vuoi entrare nella fortezza ricordati di arrivare entro le 18:00, orario di chiusura. Se segui questo itinerario, non avrai il minimo problema ad arrivare in tempo. 


Per concludere questa giornata, niente di meglio che farlo al Mirador de la Pradera de San Marcos, da dove contemplerai le migliori viste sull'Alcázar di Segovia. Per arrivarci ci vorranno solo 15 minuti a piedi dall'Alcázar. Se stai cercando un posto dove cenare, nei dintorni di Plaza Mayor troverai una vasta gamma di bar e ristoranti. Goditi la tua ultima notte di vacanza



Cosa vedrai oggi?

Giorno 5:

Addio a Segovia e ritorno a casa

Dopo esserti svegliato nella bellissima città di Segovia, è ora di dire addio a questo percorso medievale attraverso le città Patrimonio dell'Umanità di Castilla la Mancha e Castilla León e tornare a casa. 

 A Al termine di questa giornata, potrete trascorrere il vostro tempo libero facendo un po' di shopping, mangiando o sorseggiando un drink in terrazza, passeggiando per le sue strade o, se venite in macchina, recatevi all'Azienda Agricola San Ildefonso a soli 20 minuti circa dalla città. I suoi giardini sono spettacolari ed è conosciuta come “la Versailles spagnola”. Indubbiamente una buona opzione da visitare prima di tornare a casa.


Ci auguriamo che questo percorso in auto vi sia piaciuto e che, se non avete più voglia, prenotate alcuni dei nostri weekend completi a Toledo, Ávila, Salamanca e Segovia. 



Contatta un esperto

Se hai domande su questa esperienza, se vuoi maggiori dettagli o se vuoi personalizzare il tuo viaggio, non aspettare oltre! Contattaci e ti aiuteremo a personalizzare il tuo viaggio.

Contattaci se hai bisogno di aggiungere voli, auto a noleggio, trasferimenti o eventi al tuo viaggio. Risolveremo tutti i tuoi dubbi e ti aiuteremo a finalizzare la tua prenotazione.