Se stai pensando di visitare Saragozza, a Nativics abbiamo preparato questo itinerario di tre giorni per farti conoscere in dettaglio la quinta città spagnola, con una popolazione né di più né di meno di 700.000 abitanti e con più di 2.000 anni di storia. Il nostro piano include 2 notti in un hotel nel centro di Saragozza, un percorso personalizzato e consigli per scoprire la città e un'attenzione personalizzata prima, durante e dopo il viaggio.

+
a partire dal
€73
A testa

Sei interessato?

Fai la tua ricerca e assicurati il miglior prezzo.

Dettagli dell'esperienza

Guida di viaggio di 3 giorni a Saragozza

Giorno 1:

Arrivo a Saragozza. Alla scoperta del centro storico della città

Una volta arrivato in hotel, è ora di entrare nel centro di Saragozza. Una città ricca di storia, cultura, gastronomia e buona atmosfera. Ha tutto! Per raggiungere il centro hai diverse opzioni, a piedi, in tram o in autobus. Generalmente, consigliamo di andare a piedi perché è così che puoi conoscere meglio la città e scoprire anche posti nuovi. Ma, se sei stanco del viaggio o del camminare tutto il giorno, non esitare e usa i mezzi pubblici. Indubbiamente, per girare il centro, il tram è l'opzione migliore in quanto è veloce, economico e ha un ampio programma e frequenza. Se lo prendi, ti consigliamo di fermarti alla fermata Plaza del Pilar-Murallas, poiché è qui che inizia il percorso di oggi. Queste mura, dichiarate Bene di Interesse Culturale, furono costruite dai Romani, che diedero il nome di Cesaragusta alla città, in onore di il suo fondatore Cesare Augusto. Dopo il passare dei secoli e dopo anni di conquiste da parte di visigoti, musulmani e cristiani, questo nome ha portato al nome che conosciamo oggi: Saragozza. Per questo motivo, riteniamo che non ci sia modo migliore di iniziare la nostra visita a Saragozza entrando in grande stile, attraverso le mura romane di Caesaraugusta. Inoltre, appena alla sua sinistra, prima di entrare in Plaza del Pilar , si erge una grande torre è il Torreón de la Zuda, costruito durante l'invasione musulmana durante l'VIII secolo. Vedrete questa torre più volte durante il vostro soggiorno nella capitale aragonese come può essere vista dal fiume Ebro, che scorre proprio di fronte ad essa. 


Continuando con il muro, in L'altra estrema destra, situata in Avenida Cesar Augusto, è il Mercado Central, un luogo ricco di bancarelle che vendono frutta, carne, pesce, salumi, fiori e altri prodotti locali. Non è per niente turistico, quindi è perfetto per conoscere i prodotti della zona e sentirsi un vero Saragozza. Non è un mercato molto grande, quindi non ci vorrà molto del tuo tempo. Inoltre, se ne hai voglia, all'interno troverai delle caffetterie dove puoi bere un drink o mangiare un pincho. Come ogni cosa in questa città, è molto vivace. Questo mercato è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 14:00 e dalle 17:30 alle 20:00 e il sabato fino alle 14:30, quindi puoi approfittarne per vederlo durante qualsiasi delle volte che hai libero o vuoi mangiare qualcosa. Superato il muro, entrerai nella piazza più importante di Saragozza e centro nevralgico della città: Plaza del Pilar. Qui si svolgono le celebrazioni e gli eventi più importanti. Le più note sono le Fiestas del Pilar, in ottobre, a cui partecipano viaggiatori da tutto il mondo. Senza dubbio, è un luogo essenziale per Saragozza e turisti in quanto ospita la Basilica di Nostra Signora del Pilar e la Cattedrale (Seo). Inoltre, in questa piazza rettangolare ci sono diverse terrazze e caffè dove puoi sederti e contemplare l'imponente Basilica del Pilar e la Cattedrale. Una foto degna di ammirazione... Ve l'abbiamo già detto, che non potrete smettere di fare foto e video. E se hai voglia di fare un po' di shopping, nei suoi dintorni ci sono anche diversi negozi dove acquistare souvenir, oggetti religiosi o dolci tipici come ciottoli o frutti di cioccolato. Continuiamo il nostro percorso visitando la interno della Basilica del Pilar, una delle cattedrali più grandi del mondo e la cui tradizione vuole che sia stato il primo tempio mariano della cristianità. Famosa in tutto il mondo, all'interno, nella Cappella Santa, si trova la Santa Patrona del Patrimonio Ispanico, Saragozza e della Guardia Civile: la Virgen del Pilar. Così chiamato perché si trova sopra un pilastro che in realtà è di diaspro. Oltre alla Vergine, questa cattedrale è bella sia all'esterno, con le sue torri che si vedono da lontano, sia all'interno, dove si possono trovare diverse opere d'arte di Goya e dipinti del pittore Antonio González Velázquez>, una pala maggiore in alabastro, oltre ad altre sagrestie e diverse cappelle più dedicate a Santa Ana, San José, San Antonio de Padova, San Braulio, San Agustín, Santa Rosario, San Pedro Arbués, San Lorenzo, San Joaquín e l'apostolo Santiago. Come nota storica, sulle mura si trovano i missili che furono lanciati durante la Guerra Civile e che non esplosero quindi non riuscirono a distruggere la Basilica, sicuramente protetta dalla Virgen del Pilar. Se guardi da vicino, vedrai anche il buco che hanno lasciato nel soffitto. Una volta terminata la visita, non dimenticare di fermarti al negozietto all'uscita. Lì vendono i famosi nastri con la misura della Vergine, come simbolo di protezione dei malati e dei viandanti. In effetti, difficilmente vedrai una persona di Saragozza senza questo nastro adesivo sull'auto, sulla moto, sul passeggino... Quindi se stai pensando di prendere qualche dettaglio ricordo, niente di più significativo di questo nastro.


Una volta vista la Pilarica, è tempo di scoprire la Catedral de la Seo (chiamata anche Catedral del Salvador), situata nella stessa piazza. All'ingresso ti offriranno un'audioguida in modo che tu possa imparare tutto su questo tempio al tuo ritmo. Se è ora di mangiare, il nostro consiglio è di andare nella zona di Santa Marta , dove troverai diversi ristoranti, bar e caffetterie. Ideale per provare alcune delle tapas e dei piatti tipici di Saragozza. Durante il pomeriggio, puoi andare al Museo delle Lanterne e del Rosario di Saragozza, all'interno della chiesa del Sacro Cuore di Gesù. Qui si conservano i gradini per la processione della Virgen del Pilar. Le Lanterne e il Rosario di Cristallo rappresentano ciascuna delle parti della recita del rosario: Misteri, Padri Nostri, Ave Maria, Glorie e Litanie e sono realizzati con più di 300 pezzi sotto forma di carri allegorici e stendardi di vetro illuminati.


Per concludere la giornata, niente di meglio che guardare il tramonto dal Puente de Piedra. Questo ponte che attraversa il fiume Ebro è il più antico della città e lungo il suo percorso ci sono diversi punti panoramici con viste spettacolari sulla Basilica di Nuestra Señora del Pilar, proprio di fronte. Un tramonto unico e la foto più popolare di Saragozza.  ; Quando scende la notte, è tempo di rilassarsi e godersi l'atmosfera locale della zona Tubo. In questo quartiere troverai taverne, bar e ristoranti dove potrai gustare tapas o provare alcuni dei piatti tradizionali di Saragozza. Non partire senza aver provato l'agnello con le patate, la borragine, il baccalà all'aglio o le migas aragonesi. Qui le persone sono molto vivaci e possono essere tapas e drink fino a tardi. Quindi cogli l'occasione per divertirti come un altro Saragozza.

Cosa vedrai oggi?

Giorno 2:

Torre del Pilar, Lonja de Zaragoza, Museo di Scienze Naturali e Parque Grande.

Oggi puoi iniziare visitando la Torre del Mirador del Pilar. Questa torre non ha accesso dall'interno della Basilica, ma l'ingresso è ricavato da uno dei lati del Pilar, precisamente nella torre di San Francisco de Borgia. Da lì, un ascensore panoramico in vetro ti porterà fino a 62 metri in circa 20 secondi. Che sì, più tardi dovrai fare il resto della salita (18 metri) con le scale a chiocciola. Non preoccuparti perché ci sono due sezioni dove fermarti a riposarti prima di raggiungere il grande belvedere vetrato, situato a 80 metri di altezza e con una spettacolare vista a 360º sulla città, con il fiume Ebro da un lato e le cupole della Basilica , all'altro. 


Uscendo dalla Torre del Pilar, proprio tra la Basilica e La Seo, si trova il Museo La Lonja. L'accesso è gratuito e il suo interno ospita mostre temporanee. Questo edificio, dichiarato Bene di Interesse Culturale, è di grande importanza e bellezza poiché è considerato uno dei più importanti edifici civili del XVI secolo in Spagna, dove si svolgevano relazioni commerciali e mercantili. Questo edificio ha ospitato nel 1983 la sessione costitutiva della Prima Legislatura, dopo le prime elezioni regionali in Aragona. Con un'architettura rinascimentale basata sulle Lonjas de Mallorca e Valencia, il design degli interni de La Lonja de Zaragoza si compone di un'ampia sala con volte a crociera e tre piani dove sono organizzate le diverse mostre temporanee. Inoltre, non può mancare il cavallino della Lonja, una statua in bronzo che rende omaggio al vecchio cavallo di cartapesta che il fotografo Ángel Cordero Gracia utilizzava per fotografare i bambini della città. Era in quella piazza, in quello stesso luogo, portando sorrisi dal 1925 al 1978. Amatissimo da tutti i Saragozzani, ora, bambini e famiglie di tutto il mondo continuano a scattare foto e sorridere in cima al cavallo di bronzo di La Lonja.


Dopo aver scattato la mitica foto al galoppo, è tempo di visitare il Museo di Scienze Naturali dell'Università di Saragozza.  Per arrivarci, puoi farlo in tram, in autobus oa piedi. Il tempo è lo stesso, circa 20 minuti. Se lo fai a piedi, puoi cogliere l'occasione per vedere il Museo del Teatro Cesagusta, rovine archeologiche romane situate nel centro della città. Hai diverse opzioni: entrare nel museo (l'ingresso è conveniente) o vederlo dall'esterno. La visita al suo interno è sempre più completa ma se non vuoi perderci troppo tempo, passeggiando vedrai l'anfiteatro dal marciapiede stesso. Dipenderà dal tuo interesse e dal tempo che hai. Tuttavia, il Museo di Scienze Naturali ci sembra molto interessante e una visita più che consigliata per la sua Collezione Paleontologica. Più di centomila fossili di piante e animali vertebrati e invertebrati illustrano la storia e l'evoluzione della Terra dall'inizio della vita. La cosa più incredibile è che, pur avendo esemplari provenienti da tutto il mondo, un'alta percentuale proviene dagli scavi che sono ancora in corso nella regione aragonese. Per darti un'idea dell'importanza di questo museo, i suoi reperti includono, tra gli altri, scheletri di dinosauri, corna di narvalo e di mammut e un'esposizione permanente di teschi umani che mostrano l'evoluzione biologica dell'essere umano. 

Dopo aver ripercorso la storia della vita sulla Terra e dell'Umanità, niente di meglio che fare una sosta per mangiare. Raccomandiamo, vicino al museo, la zona di San Miguel. Un quartiere vivace e commerciale che si estende fino alla Plaza de los Sitios e presenta un'ampia varietà di ristoranti e bar dove si possono gustare alcuni dei piatti emblematici della città. Proprio accanto a Plaza de los Sitios, si trova il Museo di Saragozzacon diverse collezioni che includono opere archeologiche, etnologiche, ceramiche e pittoriche e scultoree, comprese quelle di Goya, artista che trascorse la sua giovinezza in questa città . L'ingresso è gratuito e può essere acquistato presso il museo stesso. 


Nel pomeriggio, niente di meglio che rilassarsi e passeggiare nel Parque Grande José Antonio Labordeta. Puoi arrivarci in tram, autobus o camminando lungo il Paseo de Sagasta, la via dello shopping per eccellenza, se la tua intenzione è fare shopping. Questo grazioso parco è famoso per le sue fontane che si illuminano al tramonto. Quando arrivi al parco, puoi girarci intorno o, se hai camminato abbastanza a lungo, prendere il trenino che fa il giro del parco. Il biglietto viene acquistato nello stesso luogo in cui viene preso e il prezzo è più che ragionevole. Un modo veloce e rilassato per chi preferisce ricaricare le batterie.




Cosa vedrai oggi?

Giorno 3:

Visita al Palazzo dell'Aljafería e addio a Saragozza

In quest'ultima giornata culturale a Saragozza, potrai scoprire il Palazzo dell'Aljafería. Un palazzo ricco di storia e arte mudéjar, Patrimonio dell'Umanità. Costruita nell'XI secolo dai musulmani, nel corso del tempo, a causa di diversi eventi storici, i suoi usi cambiarono: fortezza islamica Hudi, palazzo medievale mudéjar, palazzo dei Re Cattolici, fortezza nel XVI secolo, prigione durante l'Inquisizione, era una caserma militare e, oggi, sede delle Cortes de Aragón. Tutti gli altri dettagli, scoprirete durante la visita.

Come suggerimento speciale, se vuoi fare una buona colazione, prima di andare al Palazzo dell'Aljafería, prendi una cioccolata con churros alla Churrería La Fama. Troverai questa churrería in una delle strade che si affacciano su Plaza del Pilar, a pochi metri di distanza, e la domenica mattina puoi vedere molti maños y mañas che si godono questa colazione mentre chiacchierano animatamente. Energia per l'intera giornata! 


Per concludere questa giornata ea seconda del tempo che hai a disposizione, prima di partire ti consigliamo di goderti un'ultima volta di tapas nelle zone di El Metropolitana, San Miguel o Santa Marta. Cogli anche l'occasione per salutare Plaza del Pilar e fare il tuo ultimo shopping nei suoi dintorni. Non dimenticare di portare a casa con te alcuni dei loro dolci tipici! 


Buon viaggio di ritorno!

Contatta un esperto

Se hai domande su questa esperienza, se vuoi maggiori dettagli o se vuoi personalizzare il tuo viaggio, non aspettare oltre! Contattaci e ti aiuteremo a personalizzare il tuo viaggio.

Contattaci se hai bisogno di aggiungere voli, auto a noleggio, trasferimenti o eventi al tuo viaggio. Risolveremo tutti i tuoi dubbi e ti aiuteremo a finalizzare la tua prenotazione.